Sciopero contro il governo e contro i padroni!!

Lo sciopero generale del 26 ottobre si oppone  al nuovo esecutivo di questo governo, serve per  richiamare l’attenzione   dei lavoratori che hanno votato i partiti che lo compongono, ed infine per tutti coloro che si sono lasciati convincere dalla propaganda di regime e dalle grida gioiose dal balcone di palazzo Grazioli, sulla bontà delle misure che prevedono i decreti emanati dal governo in questi mesi  e dal D.e.f., di prossima promulgazione.

Partendo dal decreto  detto “Concretezza”, varato per irrigidire i provvedimenti disciplinari le norme contro i dipendenti pubblici, al decreto “sicurezza e immigrazione”, che non solo disciplina in modo ancora più repressive le legge contro gli stranieri, ma introduce norme fasciste e repressive contro il movimento dei lavoratori : come la previsione di arresto, fino 4 anni di reclusione congiuntamente alla multa, per chi occupa edifici sia pubblici che privati, arresto che può arrivare a 12 di  reclusione per chi organizza o partecipa a blocchi stradali.

Così mentre la società italiana scivola verso un regima fascista i lavoratori guardano con entusiasmo alle piccole riforme che credono di scorgere  a loro favore, inserite nel il Decreto Economico e Finanziario 2019, ma sarà proprio così?

La canea che si è scatenata contro,  da parte di economisti e speculatori finanziari, non significa che le norme contenute  siano ha favore dei lavoratori: Non lo può essere un  decreto che prevede la fuoriuscita di 3/400 mila lavoratori,  con  quota 100, (38 anni di contribuzione e 62 anni de età), che non modifica la legge Fornero ed illude tanti lavoratori la quale serve per dimostrare il mantenimento delle promesse elettorali.  Al reddito di cittadinanza che non è altro che la continuazione di Rei del passato governo Gentiloni, limitato nel tempo; fatto pagare dai lavoratori; con la minaccia di 6 anni di galera per chi sbaglia.  Senza considerare che ad emanazione avvenuta del decreto  possiamo trovarci qualche spiacevole sorpresa.

Questo sciopero è stato organizzato su una piattaforma rivendicativa che oltre a condannare il pauroso scivolamento verso un nazionalismo razzista xenofobo,  detta le coordinate su cui il movimento dei lavoratori italiani e stranieri devono coordinarsi e lottare:

  • per l’abolizione del decreto “Sicurezza” voluto dalla lega di Salvini e appoggiato dai 5 stelle.
  • Forti aumenti di salario per tutti i lavoratoi,  nel settore pubblico dopo 10 anni di mancata firma del contratto, già scaduto nel 2018,   nel Def, non è stato previsto un centesimo per finanziare i nuovi aumenti.   Concorsi e assunzioni in ruolo di personale giovane.
  • Lotta contro le privatizzazioni della scuola e della sanità, per la sicurezza sociale per i lavoratori/ci impiegati, pensionati e per i disoccupati/te, con visite gratuite e senza ticket.
  • Per l’abolizione vera della legge Fornero per garantire alle donne l’uscita dal lavoro a 60 anni di vita con qualsiasi contribuzione, e pensione anticipata a 35 anni di contributi versati, per tutti.
  • Niente riduzione delle tasse ai padroni come previsto dalla fla tax. finanziamento del salario garantito ai disoccupati, pagato dall’evasione fiscale e contributiva pari a centinaia di miliardi di euro.
  • Abolizione della legge sul mercato del lavoro detta Job Act per reintrodurre il reintegro nel posto di lavoro a chi licenziato senza giusta causa con il risarcimento dei danni fino a 24 mensilità.
  • riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario per tutti i lavoratori pubblici e privati, per creare più occupazione per riprenderci la vita.
  • Abolizione dell’accordo sella Rappresentanza sindacale che stabilisce che solo i sindacati “amici” dei padroni sono rappresentativi e vieta di scioperare contro accordi sottoscritti dai confederali.
  • Per denunciare infine che anche questo governo è in linea con tutti gli altri nel favorire le spese militari e partecipare attivamente al processo di armamento e missioni militari nei paesi da depredare, favorendo di fatto la tendenza alla guerra imperialista che si tra preparando contro il proprio proletariato disoccupato e sempre più povero, contro i proletari del mondo povero e sfruttato.

ADERIAMO ALLO SCIOPERO GENERALE NAZIONALE DEL 26 OTTOBRE, PARTECIPIAMO ALLA MANIFESTAZIONE CITTADINA  CHE PARTIRA’ ALLE 9,30 DA LARGO CAIROLI.

SLAI COBAS PROVINCIALE  MILANO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *