La Cassazione afferma che il tempo per la vestizione e cambio turno deve essere retribuito

Cinque infermieri avevano chiesto la condanna dell’Ausl della Regione Umbria al pagamento del lavoro straordinario per il tempo impiegato per la vestizione prima del turno di lavoro e per quello utilizzato per il passaggio di consegne ai colleghi del turno successivo.
Il Tribunale e la Corte d’Appello di Perugia rigettano la domanda sulla base del fatto che il lavoro straordinario nel pubblico impiego contrattualizzato deve essere autorizzato preventivamente e che non esiste, presso l’Ausl umbra, nessuna regolamentazione dei tempi di vestizione-svestizione del personale.
Gli infermieri propongo ricorso per Cassazione.

La decisione della Corte.

La Cassazione accoglie il ricorso degli infermieri, chiarendo che “in materia di orario di lavoro nell’ambito dell’attività infermieristica, in mancanza di regolamentazione della contrattazione collettiva, il tempo di vestizione-svestizione dà diritto alla retribuzione al di là del rapporto sinallagmatico, trattandosi di un obbligo imposto dalle superiori esigenze di sicurezza ed igiene, riguardanti sia la gestione del servizio pubblico sia la stessa incolumità del personale addetto”.

Cass. ord. 11 febbraio 2019, n. 3901 – scarica il testo in formato Pdf

Fonte: lavoropiu.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *